Per non dimenticare

   Oggi, 26 gennaio 2019, si compie un mese dal terremoto che la notte di santo Stefano ha stravolto la vita di tanti abitanti del nostro territorio etneo. E mentre continuiamo a ringraziare il Signore per il dono della vita, scopriamo ogni giorno nuovi lividi e nuove ferite che non sarà facile sanare: case abbandonate in fretta; chiese chiuse che non possono accogliere più i fedeli per chissà quanto tempo, togliendo anche il conforto della preghiera comune. E colpisce il silenzio di tante campane, imprigionate e mute dentro i campanili. Adesso che i riflettori si stanno spegnendo, vogliamo tenere accese le luci di relazioni vere e significative con i nostri amici. È ancora tempo di ascoltare i racconti, di accogliere lo smarrimento e sostenere la voglia di ricostruzione, pensando insieme anche piccoli progetti concreti per ridare il sorriso a chi è scoraggiato.

   Ma altre sofferenze vogliamo ricordare, in questa vigilia della Giornata della Memoria: uomini, donne e bambini sterminati nei campi di concentramento solo perché ritenuti inferiori da altri uomini accecati da ideologie aberranti.

   Oggi purtroppo si stanno diffondendo atteggiamenti di egoismo e di totale chiusura all’accoglienza dell’altro: mentre scrivo queste righe, ci sono migranti in mezzo al mare in tempesta ai quali stiamo chiudendo le nostre porte e altri invece che all’improvviso sono stati strappati a una quasi normalità finalmente raggiunta, mentre stavano provando a ricostruire vite e progetti di integrazione. Decisioni che riconosciamo sbagliate ma alle quali non riusciamo a opporci.

   La festa di san Sebastiano che abbiamo da poco celebrato presenta l’esempio del giovane martire che ha saputo scegliere con coraggio e coerenza la via di una testimonianza abbracciata e perseguita con fermezza. Allora sia questa la preghiera che vogliamo rivolgere a Dio: nessuna sofferenza umana sia lasciata cadere nell’indifferenza e nell’egoismo. Il Signore che ci ha resi suoi figli e fratelli tra noi ci aiuti ad aprire le braccia per accogliere, consolare, sostenere chiunque abbia bisogno di noi.

Anna Maria Cutuli

Related Articles

Post your comments

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Azione Cattolica Acireale

Presidenza Diocesana

Via San Martino 2
95024, Acireale (CT)
info@acirealeac.it